Altamura in festa accoglie Maria Santissima del Buoncammino.

L’immagine sacra della Madonna torna in città salutata da una folla di fedeli in attesa di poterla ospitare per circa un mese, con preghiere, canti e celebrazioni in suo onore.

In una atmosfera più magica del solito Maria Santissima del Buoncammino, la Madonna con il Bambino, è arrivata puntuale, la domenica successiva a quella di Santa Maria Assunta, che quest’anno coincide con il giorno 20 agosto, nella città federiciana per i consueti festeggiamenti. Tra folklore e spiritualità, il popolo di , a lei devoto da oltre 250 anni, si attiva affinché il suo arrivo in città avvenga con una solenne quanto spettacolare festa che si può riassumere in tre momenti salienti: l’asta della Bandiera (“licita”) la “Cavalcata”e il “Carro”.

L’asta della Bandiera
Si svolge a partire dalle prime ore pomeridiane nella metà bassa di via Bari, e come ogni anno, anche quest’anno oltre ai devoti che aspirano a portare a casa e custodire per un anno intero la bandiera, erano presenti tanti curiosi che amano seguire per tutto il tragitto in cui si svolge l’asta l’epilogo delle tre candele con le grida del banditore alle varie offerte e il lungo rullo dei tamburi ad ogni scambio del vessillo dopo ogni nuova offerta, fino ad arrivare al punto di aggiudicazione nei pressi de “la chiangète de la porte Vère”, ovvero un particolare punto pavimentato in pietra a Porta Bari. Ed è in corrispondenza di questo momento finale che ha inizio la marcia equestre che “scorta” il carro infiorato fino all’interno della città. Quest’anno ad aggiudicarsi la bandiera con una cifra di 7.500 euro, senz’altro più bassa rispetto agli anni passati, è stato il sign. Filippo Moramarco, che da regolamento assume per un intero anno il ruolo di presidente onorario e la custodia della bandiera che avrà la funzione di proteggere la casa, e la sua famiglia. Spesso aggiudicarsela è un gesto propiziatorio per la salute o per il buon andamento della propria attività oppure un ringraziamento alla Madonna .

La Cavalcata
Dopo l’aggiudicazione della bandiera ed il passaggio del testimone alla famiglia Moramarco di Altamura , ecco partire il corteo della Cavalcata che precede il Carro della Madonna del Buoncammino, quasi alla maniera di una scorta di difensori devoti. In tanti, troppi, cavalieri e amazzoni, di diverse età, hanno preceduto l’arrivo della statua su splendidi calessi, carri d’epoca e per finire in sella a meravigliosi esemplari provenienti da più parti. Ordinati percorrevano le vie della città, secondo le prescrizioni di un regolamento che impone il rispetto di alcuni criteri, anche nei vestiti da indossare, come il tipico abbigliamento del contadino altamurano. L’uso di una camicia bianca e di pantaloni neri, stretti alla vita da una fascia di raso di colore rosso “la cegne” per gli uomini, camicia bianca, gonna nera e copricapo di colore rosso per le donne.

Il Carro
La sfilata dei cavalli precede ed accompagna il cammino del Carro scortato dalle autorità civili e militari, dove troneggia la statua della Madonna del Buoncammino. Trainato da due coppie di buoi bianchi della Lucania che partono dal Santuario per poi salire su, lungo via Bari, l’enorme Carro è allestito con una coreografia di fiori ogni anno diversi e corredato da ungruppo festante di bambini che, sistemati tutt’attorno ai piedi della Madonna, salutano gioiosi la gente per strada in composta attesa del passaggio della sacra figura mariana a cui con devozione invocano aiuto per le loro sofferenze e malattie, affidano le speranze, sogni e desideri , chiedono protezione sostegno e assistenza, anche se l’appellativo del “Buoncammino” nasce dalla necessità di affidarsi quando si intraprende un viaggio alla protezione della mamma celeste. , attraverso un augurio propositivo: “la Madonna v’accunbagn”. Augurio presente spiritualmente e vivo nella memoria di ciascuno anche se vive lontano da Altamura. E’ quanto accade nel New Jersey, dove gli altamurani, residenti ormai negli Stati Uniti d’America, onorano, nel primo weekend di settembre, con suntuose celebrazioni quella che per loro è considerata la speciale protettrice del cammino della loro comunità. La processione costeggiando esternamente le mura del centro storico è terminata in piazza del Duomo intorno alla mezzanotte. Qui la statua della Madonna del Buoncammino è stata trasportata all’interno della Cattedrale, per l’appunto eretta dall’imperatore Federico II di Svevia proprio in onore di Santa Maria Assunta, e dimorerà nell’area dell’altare maggiore, fino al secondo sabato di settembre, in cui si svolgerà la Festa in suo onore, che in gergo altamurano è detta “la festa rann”, per poi fare ritorno in Santuario per via diretta, ma non prima di una breve sosta a Porta Bari, quasi un ultimo saluto e una benedizione per tutta la comunità altamurana che l’ha ospitata e onorata. Sono numerose le d’amore e di gratitudine verso questa speciale Madonna , guida sicura e compagna di cammino. Un fenomeno che ha preso forma spontanea attraverso i cosiddetti ex-voto, quadretti esposti sui muri del corridoio della sacrestia del Santuario. Mai come in questo periodo c’è l’esigenza di sentirla al nostro fianco, e se chiamata in causa molto potrebbe se invocata con fede.

 
Email   –  Facebook   –   Twitter